Sentenza n. 3709/2019 III sezione civile Corte di Cassazione in materia di notifica a mezzo PEC

Categoria: News
Data pubblicazione: 21 marzo 2019

Cari Colleghi,

segnalo la recente pronuncia della Cassazione 8.2.2019 n. 3709 con la quale gli Ermellini precisano che – ai fini delle notifiche telematiche – il domicilio digitale di ciascun avvocato corrisponde all’indirizzo PEC che il legale ha comunicato al Consiglio dell’Ordine di appartenenza e che è inserito nel Registro Generale degli Indirizzi Elettronici (ReGIndE) gestito dal Ministero della Giustizia.
Nel provvedimento la Cassazione aggiunge che solo la notifica all’indirizzo risultante dal ReGIndE è corretta.
La decisione ha destato molte perplessità da un lato perché esclude il registro INI-PEC dal novero di quelli utilizzabili per le notifiche (registro invece che gli art. 16 ter e sexies del d.l. 179/2012 includono tra gli elenchi validi per le notifiche telematiche al pari del ReGIndE), dall’altro perché il provvedimento parla in realtà senza motivo dell’INI-PEC in una fattispecie nella quale avrebbe dovuto essere tutt’al più valutata la validità dell’indice delle Pubbliche Amministrazioni (IPA) dato che si parlava di notifiche all’Avvocatura dello Stato.
In argomento il CNF ha chiesto chiarimenti al Primo Presidente della Corte di Cassazione con lettera 5.3.2019.
Non ci resta che attendere la risposta.
Qui potete trovare la sentenza della Cassazione e qui la lettera del CNF.

Consigliere direttivo
Avv. Andrea Paganini

Ultime News

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di piu` o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.